Buonasera Presidente su Rai Storia

Ieri sera, su Rai Storia, Buonasera Presidente, condotto da  Filippo Ceccarelli, e dedicato a  Francesco Cossiga. Si è parlato anche del discorso di tre minuti del 1991.


Antonello Fassari mostruosamente bravo nell’interpretazione di Cossiga.
Flavia Trupia di PerLaRe-Associazione Per La Retorica ha parlato del discorso più pazzesco della storia dei discorsi presidenziali. Quello di tre minuti del 31 dicembre 1991.
L’oggetto del discorso di fine anno di Cossiga è spiegare perché non farà un discorso di fine anno. Una spiegazione articolata, fiorita, piena di parole dotte, di gerundi e condizionali. Un periodo che comincia con una negazione e si articola in ben 77 parole per non far capire perché non parlerà. Il discorso è tutta un’allusione.
Una pièce di teatro dell’assurdo e un dominio assoluto del mezzo televisivo, che fa del negarsi motivo di mistero e di fascino. È il discorso della preterizione
La produzione di #BuonaseraPresidente è di Anele.
Se l’hai persa, guarda la puntata su Raiplay ➡️https://www.raiplay.it/video/2019/05/Buonasera-presidente-Cossiga-41c8a356-cb3a-47aa-b8e8-664b7458dc9d.html