#GuerradiParole 2018: vi presentiamo i giudici

Ecco i nove giudici della #GuerradiParole 2018, l’iniziativa sostenuta per il secondo anno da Toyota Motor Italia. Il duello di retorica tra detenuti di Poggioreale e studenti dell’Università Federico II si terrà a Napoli il 4 maggio. La Guerra di Parole è organizzata da PerLaRe, Associazione Per La Retorica. Sono partner del progetto la Crui, Conferenza dei Rettori delle Università Italiane, la Casa Circondariale Napoli Poggioreale e l’Università Federico II, insieme all’Unione Camere Penali Italiane – Osservatorio Carcere UCPI e Carcere Possibile Onlus.

Chi vincerà gli studenti o i detenuti? Lo decideranno i giurati.

Mauro Caruccio. È amministratore delegato di Toyota Motor Italia, dopo un’esperienza nell’headquarter europeo come general manager nelle sales operations.
Entrato in Toyota dal 1998, ha ricoperto cariche sempre crescenti in azienda nell’ambito della direzione commerciale e sviluppo rete, fino al ruolo di Sales Operations Director. Negli ultimi tre anni ha arricchito il suo percorso con un’esperienza internazionale in Toyota Europa, aggiungendo al suo bagaglio professionale anche la responsabilità delle Operations After Sales.

Francesco Paolantoni. È un attore di grande esperienza e notorietà. Per la tv lo abbiamo visto in “Indietro tutta” di Arbore, “Mai dire gol”, “La posta del cuore” della Guzzanti, “L’ottavo nano” della Dandini, “Che tempo che fa” di Fazio, “Un posto al sole”… Per il cinema, ha lavorato con Virzì, Martone, Cristina Comencini, Salemme. Molti lo ricordano per il personaggio di Robertino, il partecipante seriale dei Quiz tv: “ho vinto quacchecosa?” .

Francesco Piccinini. È direttore di Fanpage. È stato direttore di AgoraVox e docente di Brand Strategy e Comunicazione presso l’Ecole Superieure de Gestion di Parigi. Con lui fanpage.it ha fatto un salto di qualità e di notorietà, attestandosi come la testata italiana più letta su Facebook, con 5,8 milioni di utenti unici e oltre 95 milioni di pagine viste.

Valeria Della Valle. È socia dell’Accademia dell’Arcadia e ci segue dal primo anno come presidente di giuria. Valeria ha fatto della divulgazione della grammatica il suo credo. Perché pensa che tutti possiamo imparare che “qual è” si scrive senza apostrofo. Non è mai troppo tardi.

Vincenzo Siniscalchi. È avvocato penalista, professore, politico. Principe del foro. Ha difeso personaggi come Petra Krause e Maradona. Si definisce lui stesso un regista mancato. Ha una grande passione per il cinema. Ha vinto due premi di eloquenza.

Ludovico Bessegato. È il direttore creativo di Cross Productions. Ma anche del produttore creativo di serie tv di successo come Rocco Schiavone e Il Cacciatore che abbiamo recentemente visto su Rai 2. È regista di serie come Skam Italia e Il Candidato.

Gaetano Eboli. È  un magistrato di sorveglianza. È stato avvocato e giudice in Calabria. Ma è anche uno scrittore, perché è autore del legal thriller “PQM. Giustizia è fatta”.

Ema Stokholma. Fate un esperimento. Aprite il suo sito e provate a non ballare sulla sedia. Ema Stokholma è stata una modella per Valentino, Dolce & Gabbana, Versace, Yamamay e Fendi. Ma anche una guest Dj nei locali più importanti d’Europa. Ha lavorato per la tv: Mtv, Rai, Mediaset. Conduce Black2Black su Rai Radio 2 con Gino Castaldo. E domani è con noi a Poggioreale per la #GuerradiParole 2018.

Carlo Freccero. È consigliere di amministrazione Rai. È la comunicazione fatta persona. Inizia come direttore dei palinsesti di Canale 5 e Italia 1. È stato direttore dei programmi della francese La Cinq. Responsabile della programmazione di France 2 e France 3. Direttore di Rai 2, poi di Rai 4. Ha scritto libri sulla comunicazione, materia che insegna nelle università.