Captatio benevolentiae

Topos (vedi voce Topos) retorico che, di norma, si trova all’inizio di una composizione orale o scritta e viene utilizzato per stimolare un atteggiamento benevolo da parte del pubblico.
Esempi:

Piacciavi, generosa Erculea prole,
ornamento e splendor del secol nostro,
Ippolito, aggradir questo che vuole
e darvi può l’umil servo vostro.
(Ludovico Ariosto, Orlando furioso, 1532).
___________
“Prendendo la parola in questo consesso mondiale sento che tutto, tranne la vostra personale cortesia, è contro di me: e soprattutto la mia qualifica di ex nemico, che mi fa considerare come imputato e l’essere citato qui dopo che i più influenti di voi hanno già formulato le loro conclusioni in una lunga e faticosa elaborazione.”
(Alcide De Gasperi, Discorso alla Conferenza di pace di Parigi, 10 agosto 1946). 
___________
“Quando hanno pronunciato il mio nome è come se avessi sentito mezza America dire: «Oh no, ancora lei!»”. “Comunque, Non sarò quassù di nuovo.”
(Maryl Streep alla cerimonia di consegna del suo terzo Oscar, febbraio 2012).