pubblicato il 30 Aprile 2021 - scritto da Flavia Trupia

von der Leyen, Ursula, discorso sulla parità di genere, plenaria del Parlamento Europeo, 26 aprile 2021

Sono la prima donna ad essere presidente della Commissione europea. Sono il presidente della Commissione europea. Ed è così che mi aspettavo di essere trattata quando ho visitato la Turchia due settimane fa, come un presidente della Commissione, ma non è stato così.

Non riesco a trovare alcuna giustificazione nei trattati europei per il modo in cui sono stata trattata. Quindi, devo concludere, è successo perché sono una donna. Sarebbe successo se avessi indossato una giacca e una cravatta? Nelle foto delle riunioni precedenti, non ho visto carenza di sedie. Ma d’altra parte, non ho visto nemmeno donne in queste foto.

Molti di voi avranno fatto esperienze simili in passato. Specialmente i membri femminili di questo Parlamento, sono sicura, sanno esattamente come mi sono sentita. Mi sono sentita ferita e lasciata sola. Come donna e come europea. Perché questo non riguarda la disposizione dei posti a sedere o il protocollo. Questo va al cuore di ciò che siamo. Riguarda i valori che la nostra Unione rappresenta. E questo dimostra quanta strada dobbiamo ancora fare prima che le donne siano trattate alla pari. Sempre e ovunque.

Naturalmente, so di essere in una posizione privilegiata. Sono il presidente di un’istituzione molto rispettata in tutto il mondo. E, ancora più importante, come leader, posso parlare e farmi sentire. Ma che dire di milioni di donne che non possono farlo? Donne che vengono ferite ogni giorno in ogni angolo del nostro pianeta, ma che non hanno né il potere né la carica per far sentire la propria voce?

Quando sono arrivato alla riunione, c’erano telecamere nella stanza. Grazie a queste, il breve video del mio arrivo è diventato immediatamente virale e ha fatto notizia in tutto il mondo. Non c’era bisogno di sottotitoli. Non c’era bisogno di traduzioni. Le immagini parlavano da sole.

Ma lo sappiamo tutti: migliaia di incidenti simili, la maggior parte dei quali molto più gravi, passano inosservati. Nessuno li vede o ne sente parlare. Perché non ci sono telecamere. Perché non c’è nessuno che presta attenzione. Dobbiamo fare in modo che anche queste storie vengano raccontate! E che, quando vengono raccontate, si agisca di conseguenza.

La Convenzione di Istanbul è uno strumento importante per questo. A maggio saranno dieci anni dalla firma di questa convenzione. È un testo giuridico innovativo e un documento stimolante. È il primo strumento vincolante a livello internazionale che adotta un approccio ampio per combattere la violenza contro le donne e i bambini. La Convenzione proibisce la violenza psicologica, le molestie sessuali e lo stalking. E mette fuori legge la violenza domestica. Non ho bisogno di dirvi quanto questo sia importante. Soprattutto ora, in tempi di pandemia.

Ho approfittato dell’incontro ad Ankara per ribadire la mia profonda preoccupazione per il ritiro della Turchia dalla Convenzione. Il ritiro di uno dei membri fondatori del Consiglio d’Europa è un segnale terribile. Per essere credibili, tuttavia, non dobbiamo solo criticare gli altri. Per essere credibili, dobbiamo anche agire a casa nostra.

Lo sapete tutti. Diversi Stati membri dell’UE non hanno ancora ratificato la Convenzione. E altri stanno pensando di abbandonarla. Questo non è accettabile. La violenza contro le donne e i bambini è un crimine. Dobbiamo chiamarlo un crimine e deve essere punito come tale. Ecco perché voglio che la stessa UE aderisca alla Convenzione di Istanbul. Questa rimane una priorità per la mia Commissione.

Ma poiché l’adesione dell’UE è in stallo al Consiglio, presenteremo, prima della fine dell’anno, delle misure alternative. Presenteremo una legislazione per prevenire e combattere la violenza contro le donne e i bambini – online e offline.

E – il mio secondo punto – proporremo di estendere la lista degli euro-crimini stabilita nel trattato, per includere tutte le forme di crimini d’odio. Perché l’Europa deve mandare un segnale forte che il crimine d’odio non è accettabile. Perché dobbiamo assicurarci che le donne e le ragazze siano adeguatamente protette ovunque in Europa. Perché quello che la vicepresidente degli Stati Uniti Kamala Harris ha detto recentemente alle Nazioni Unite è vero: lo status delle donne è lo status della democrazia.

Le nostre democrazie sono più forti quando le donne sono coinvolte alla pari. Non perché le donne sono migliori. Ma perché siamo diverse. Abbiamo una visione diversa del mondo e vediamo altri rischi e opportunità. Per vedere il mondo nella sua interezza abbiamo bisogno di donne e uomini. Solo così saremo in grado di prendere le decisioni giuste. Ed è l’unico modo in cui saremo in grado di raggiungere il massimo successo.

Venerdì ho visitato lo stabilimento della Pfizer a Puurs, in Belgio. Lì ho incontrato la dottoressa Özlem Türeci. È la co-fondatrice e Chief Medical Officer di BioNTech, l’azienda che ha sviluppato il primo vaccino approvato a base di RNA messaggero contro il COVID-19. Da ragazza, Özlem Türeci è cresciuta con i suoi nonni a Istanbul. Poi è venuta in Germania, dove è andata a scuola e ha studiato medicina.

Oggi, BioNTech e Pfizer sono insieme nel cuore della nostra campagna di vaccinazione europea. Una campagna che sta crescendo di giorno in giorno. Finora sono stati somministrati 129 milioni di vaccini nell’UE. Circa il 26% degli adulti ha ricevuto almeno una dose. E questa settimana circa 30 milioni di dosi aggiuntive saranno consegnate in tutta la nostra Unione. Grazie in parte a Özlem Türeci la cui storia mostra quali grandi forze si scatenano quando le donne hanno le stesse opportunità e quando le loro capacità sono rispettate. E una storia che mostra perché abbiamo bisogno di più donne in ruoli di leadership.

Qui, l’UE dovrebbe dare l’esempio. E lo stiamo facendo. Per la prima volta nella storia della Commissione, uomini e donne sono rappresentati in numero uguale nel Collegio della Commissione europea. Voglio ripetere questo successo a tutti i livelli di gestione della Commissione. Non ci siamo ancora arrivati. Ma comunque: le donne occupano attualmente più del 40% dei posti di vertice della Commissione.

Invito le altre istituzioni dell’Unione europea a seguire il nostro esempio. Non solo la Commissione, ma anche il Consiglio, l’amministrazione del Parlamento e altri organi dell’UE hanno ancora molta strada da fare. Perciò la Commissione convocherà presto un incontro con le altre istituzioni per discutere come possiamo tutti fare meglio. Metà della popolazione europea è costituita da donne. E questo deve riflettersi nelle istituzioni al centro dell’Europa.

Onorevoli parlamentari,

Al Consiglio europeo di marzo i capi di Stato e di governo hanno chiarito che il rispetto dei diritti delle donne è un’importante precondizione per il nostro nuovo impegno con la Turchia – e per ampliare la nostra agenda comune. Ma è lungi dall’essere l’unica precondizione.

Ad Ankara, ho insistito sul fatto che la Turchia deve continuare sul suo percorso di moderazione nel Mediterraneo orientale. Deve accettare le sentenze della Corte europea dei diritti dell’uomo. Queste sono le nostre condizioni per intensificare la nostra cooperazione economica con la Turchia, e per iniziare un dialogo ad alto livello su temi come il cambiamento climatico, la salute pubblica e le questioni regionali.

Questo renderebbe anche molto più facile fornire denaro nuovo per aiutare gli sforzi della Turchia nell’accogliere più di quattro milioni di rifugiati dalla Siria. Sforzi che noi apprezziamo.

Onorevoli deputati,

Quando parliamo di rispetto e dignità non dobbiamo parlare solo di uomini e donne. La questione è più grande del genere. Non possiamo permettere che nei nostri Stati membri si diffondano zone senza LGBT.

Non possiamo permettere che i Rom siano discriminati in Europa. E non possiamo assolutamente permettere che il brutto volto dell’antisemitismo e del razzismo si mostri in qualsiasi angolo della nostra Unione. L’Europa è molto meglio di questo!

A volte mi stupisco che dobbiamo persino parlare di cose così evidenti nel 2021. Che dobbiamo ancora sottolineare che in tutta Europa le persone devono avere uguali diritti e uguali opportunità: Indipendentemente da chi amano, da dove vengono. Indipendentemente dall’età o dalla fede che hanno.

Perché questa è l’Unione in cui credo. Un’Unione che è all’altezza del suo motto: uniti nella diversità. Per me, queste tre parole hanno sempre espresso un impegno solenne. In patria e all’estero. Oggi e in futuro.

Viva l’Europa.